Lombardia sempre più online per promuovere turismo slow e all’aria aperta

Fieramilanocity
13.02 - 15.02 2022

News

Lombardia sempre più online per promuovere turismo slow e all’aria aperta

Dalle 12 fioriture più belle della primavera al cicloturismo, il kitesurf o il trekking. Guardando a Bergamo e Brescia Capitali della Cultura 2023 e alle Olimpiadi Invernali 2026.

Riposizionare la Lombardia come meta turistica accogliente e sicura e a vocazione internazionale attraverso la conoscenza dei luoghi, dei profumi e dei sapori, fino alla valorizzazione delle città d’arte e i piccoli borghi. Questo l’obiettivo a medio termine che si propone la Regione. Come?

 

“Nel medio-lungo periodo abbiamo due appuntamenti molto stimolanti: Bergamo e Brescia Capitali italiane della cultura nel 2023 e le Olimpiadi invernali di Milano Cortina nel 2026”, risponde l’Assessora al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, Lara Magoni. “Nel frattempo, il 2021 si prospetta come un impegnativo anno di passaggio verso la ripresa: punteremo sulle nicchie più promettenti come il turismo outdoor e la riscoperta degli itinerari del turismo slow, mantenendo un grande punto di attenzione sulle città d’arte”.

 

Del resto, la Lombardia punta da tempo sul turismo esperienziale. Rafting sul Ticino, kitesurf sul Lago di Garda, trekking sui Cammini e le Alte Vie sono solo alcuni esempi di esperienze “active” proposte sul portale turistico ufficiale inLombardia. E ancora, i percorsi in bicicletta anche sugli sterrati, oltre che sulle piste ciclabili e le grandi ciclovie segnalate. Ma l’appuntamento di stagione sono sicuramente le 12 fioriture da vedere in Lombardia. Anche in città: tra le più spettacolari c’è infatti la Collina dei Ciliegi nel quartiere Bicocca, un vero e proprio angolo di Giappone a Milano. Da non perdere anche i campi di lavanda nell’Oltrepò Pavese o gli spettacolari giardini delle ville sui laghi. Tesori a volte nascosti che trovano oggi nella promozione online un canale preferenziale.

 

“La partecipazione di Regione Lombardia a Bit Digital Edition è un primo concreto segnale di ripartenza ed esprime la forza di una base imprenditoriale che continua a prepararsi per tornare ad accogliere i turisti”, conclude Magoni. “I tempi che stiamo vivendo ci impongono di testare nuove nel turismo e in tutte le catene del valore correlate. Innovazione e marketing digitale sono elementi essenziali per affrontare le sfide che il futuro ci presenterà”.